Category: Articles review

Gli antileucotrieni nel trattamento dell’asma acuto

Abstract Acute asthma exacerbations are one of the most frequent reasons to visit the emergency department. Current standardtreatments for acute asthma, including supplemental oxygen, short-acting inhaled bronchodilator and systemic corticosteroids, are inadequate for rapid and sustained improvement in a significant proportion of patients. The antileukotrienes,a relatively new class of drugs, have a role in the treatment of chronic asthma. Their relatively rapid onset of action afterendovenous or oral administration and their additive effect to β2-agonists lead to the hypothesis that they might be ofbenefit in acute asthma. This review examine for the effect of antileukotrienes in the treatment of acute asthma. Sintesi L’asma acuto costituisce una delle cause più frequenti di accesso al Dipartimento di Emergenza. Il trattamento farmacologico dell’asma acuto basato sulla somministrazione di ossigeno, di farmaci broncodilatatori β2 agonisti e anticolinergici a breve durata d’azione per via inalatoria e di corticosteroidi per via sistemica è, in alcuni casi, inadeguato a garantire un rapido e duraturo miglioramento dei sintomi. Gli antileucotrieni costruiscono una relativamente nuova classe di farmaci la cui efficacia è documentata nel trattamento dell’asma cronica. La rapidità d’azione degli antileucotrieni dopo somministrazione per via orale o endovenosa e la loro sinergia d’azione con i β2 agonisti consente di ipotizzare che essi potrebbero essere efficaci nel trattamento dell’asma acuto. Questa review ha lo scopo di valutare gli studi disponibili sull’efficacia degli antileucotrieni nel trattamento dell’asma acuto.

Introduzione Nel paziente affetto da asma bronchiale le riacutizzazioni di malattia sono responsabili di un aumento dei costi, diretti e indiretti della malattia, di un accelerato declino della funzione respiratoria, e rappresentano la principale causa di mortalità per asma. Nei Paesi occidentali le riacutizzazione di asma bronchiale sono la causa dell’1%-12% degli accessi al Pronto Soccorso/Dipartimento di Emergenza (PS/DEA), e nonostante l’efficacia terapeutica dei trattamenti disponibili, il 10-20 % dei casi necessita di ricovero ospedaliero. Di questi ultimi il 4% richiede il ricovero in una Unità di Terapia Intensiva (UTI). Da qui la necessità di individuare nuovi trattamenti terapeutici in grado di migliorare il trattamento terapeutico dell’asma acuto. Gli antileucotrieni (anti-LT) sono una classe relativamente nuova di farmaci utilizzati nel trattamento cronico dell’asma bronchiale. Essi comprendono sia gli antagonisti recettoriali dei cisteinilLT-1 (Cys-LT-1) (Montelukast, Pranlukast, Zafirlukast) che un inibitore della 5-lipossigenasi (Zileuton). Le principali linee guida internazionali7-9 hanno stabilito l’importanza di questi farmaci nella terapia dell’asma persistente, dell’asma da esercizio fisico e dell’asma da aspirina mentre il loro ruolo nel trattamento dell’asma acuto è a tutt’oggi oggetto di discussione. Lo scopo di questa review è di quello di esaminare i principali studi clinici sugli effetti degli antiLT nella riacutizzazione di asma bronchiale. I leucotrieni nella flogosi asmatica I leucotrieni (LT) sono potenti mediatori della flogosi derivati dal metabolismo enzimatico dell’acido arachidonico per azione dell’enzima 5-lipossigenasi (5-LO). Essi comprendono i Cys-LT (LTC4 e i suoi derivati LTD4 e LTE4) e il LTB4 e sono prodotti prevalentemente da granulociti eosinofili, dai granulociti basofili e dalle mast-cellule ma la loro produzione può avvenire anche ad opera di altri tipi di cellule come le piastrine e le cellule endoteliali. I Cys-LT, i cui livelli sono aumentati nei fluidi biologici, come le urine, il liquido di lavaggio broncoalveolare (BAL) e l’espettorato indotto, dei soggetti con asma interagiscono con specifici recettori (il recettore per i Cys-LT-1 e il recettore per i Cys-LT-2) presenti sulla membrana delle cellule coinvolte nella flogosi asmatica. In particolare molti degli effetti fisiopatologici che si osservano nell’asma (broncocostrizione, aumento della permeabilità vascolare, produzione di muco) sono mediati dall’interazione dei Cys-LT con il recettore per i Cys-LT-1 espresso da differenti tipi di cellule infiammatorie e delle vie aeree. Il LTB4 ha una potente azione chemiotattica per i neutrofili e sembrerebbe avere un ruolo nel determinismo della flogosi neutrofilia che caratterizza l’asma grave e le riacutizzazioni asmatiche. Inoltre il LTB4 è coinvolto nella patogenesi dell’iperresponsività bronchiale.

 

Itjem is the official italian scientific review for emergency medicine.

Publisher: Simeu, Società italiana della medicina di emergenza-urgenza, via Valprato, 68 Torino - www.simeu.it

Editorial coordination: Silvia Alparone.

Scientific Manager : Giuliano Bertazzoni; Operating Editorial Board: Paolo Balzaretti, Guido Borasi, Rodolfo Ferrari, Mauro Giordano, Paolo Groff, Emanuele Pivetta;

Advisory Board: Michele Gulizia, Riccardo Lubrano, Marco Ranieri, Maria Pia Ruggieri, Roberta Petrino, Francesco Violi.

Editorial Board and Reviewers: Giancarlo Agnelli, Giancarlo Avanzi, Marco Baroni, Stefania Basili, Alessio Bertini, Francesco Buccelletti, Gian A. Cibinel, Roberto Cosentini, Fabio De Iaco, Andrea Fabbri, Paola Noto, Giovanni Ricevuti, Fernando Schiraldi, Danilo Toni.

Norme editoriali clicca qui.

  • Scientifici

  • Divulgativi

Loading
Loading